Kevin Lloyd – Sweet reggae music from NYC

È stato grazie ad un brano chiamato “Sweet Reggae Music” che Kevin Lloyd ha catturato la mia attenzione facendo sì che lo contattassi per un’intervista in modo da andare a ritroso nel suo background. Figlio di giamaicani, Kevin Lloyd Gordon appartiene ai caraibici di seconda generazione: cresciuto a New York, già da bambino si è avvicinato alla musica delle sue radici grazie alla passione del padre per la musica reggae. Vivendo la Grande Mela degli anni ’80 e ’90 è stato profondamente a contatto con le più svariate correnti musicali che avevano nella metropoli americana un punto di fondamentale incontro e sperimentazione.

Nell’approcciare la musica come DJ per il Jedi sound system, ha presto sperimentato il lavoro di produzione e ghostwriter, continuando a maturare esperienza grazie ai contatti con gli artisti che si esibivano in città. Da questo background provengono i suoi link e il frutto delle sue collaborazioni.

Con il gruppo di produzione The Blackout Legacy, Kevin ha collaborato con artisti del calibro di Mims per il quale ha co-prodotto “This Why I’m Hot”.

Dal 2010 ha infine deciso di approcciare la carriera da singer che sentiva come sviluppo naturale del suo percorso, grazie anche ad un talento naturale e alla sua sweet sweet voice.

Facendosi notare inizialmente nella scena U.S. con brani dancehall come “Whine Slow” e “Private Dancer”, Kevin Lloyd ha poi continuato a spingere la sua musica avvicinandosi al reggae. Proprio da questa fase è nato il già citato “Sweet Reggae Music”, al cui video sta attualmente lavorando, “Oh Mama”, e altri brani dalle sonorità più vicine alla tradizione R&B come la valida “Strayed Away”.

Dopo aver collaborato con Serani, ZJ Liquid in un tune molto catchy come “New York/Jamaica”e Mr Lexx, continua a lavorare con produttore, concentrandosi però sulla sua carriera di performer dalla quale aspettiamo presto un album programmato per il 2017.

Chiara Nacchia

Chiara fa parte della famiglia di Sbeberz ormai da qualche anno. Coordinatrice della redazione, autrice di Island Pop e parte dello staff organizzativo di Reggaeradio, sa tutto quello che succede sull'Isola in tempo quasi reale. Dancehall lover to di bone, pseudo germanista e con background in politologia, può essere rintracciata a spasso per Berlino o mentre legge "Tell Me Pastor" sul Jamaica Star online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *